Due sono le sessioni plenarie del Parlamento europeo tenutesi a novembre: la prima, dall’8 al 9 novembre a Bruxelles, mentre la seconda, dal 20 al 23 novembre a Strasburgo. Facciamo il punto sulle priorità a cui gli eurodeputati hanno lavorato.

Plenaria di Bruxelles, 8-9 novembre 2023: cosa si è deciso?

La Commissione accoglie con favore l'accordo finale sul portafoglio di identità digitale dell’UE. Raggiunto accordo finale sul regolamento che introduce i portafogli di identità digitale europea, il primo quadro di identità digitale affidabile e sicuro per tutti gli europei. Un passo importante verso il decennio digitale.

Data Act: Il Parlamento approva la nuova legge per facilitare accesso e utilizzo dei dati. La nuova legislazione disciplina la condivisione dei dati generati dall'uso di prodotti connessi o di servizi correlati e consentirà agli utenti di accedere e verificare i dati che generano.

Euro 7: PE pronto per i negoziati su nuove norme per ridurre le emissioni su strada. I deputati sono pronti ad avviare colloqui con i governi dell’UE per raggiungere un accordo sul rinnovo delle norme dell'UE in materia di omologazione e vigilanza del mercato dei veicoli a motore (Euro 7) per ridurne le emissioni.

Legge UE sul ripristino della natura: gli eurodeputati trovano un accordo. La nuova legge, concordata con gli Stati membri, stabilisce l'obiettivo di ripristinare almeno il 20% delle aree terrestri e marine dell'UE entro il 2030 e tutti gli ecosistemi che necessitano di ripristino entro il 2050.

Plenaria di Strasburgo, 20-23 novembre 2023: cosa si è deciso?

Diritto alla riparazione: rendere la riparazione più accessibile e conveniente. Il Parlamento europeo ha adottato la sua posizione negoziale sulle nuove misure per rafforzare il diritto alla riparazione volta a promuovere un consumo più sostenibile, agevolando la riparazione dei prodotti difettosi, riducendo i rifiuti.

Transizione verde: nuove misure per sostenere tecnologie a zero emissioni nette. Gli eurodeputati hanno adottato la posizione negoziale del Parlamento europeo sul progetto di legge “Net-Zero Industry Act” volto a rafforzare la produzione manifatturiera europea per le tecnologie necessarie per la decarbonizzazione.

COP28: il PE chiede lo stop alle sovvenzioni per i combustibili fossili. Il Parlamento europeo ha adottato le sue richieste per la Conferenza della Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP28), che effettuerà il primo bilancio globale sullo stato di realizzazione dell'accordo di Parigi.

Emissioni CO2 su strada: ridurre l'inquinamento di autocarri e autobus. Il Parlamento europeo è pronto ad avviare i negoziati con i paesi dell’UE per introdurre nuovi limiti per la riduzione delle emissioni di CO2 dei veicoli pesanti di nuova produzione.

Statuto dell'artista: migliori condizioni di lavoro per gli operatori culturali. Gli eurodeputati hanno adottato una risoluzione di iniziativa legislativa per migliorare le condizioni di vita e di lavoro per i professionisti che operano nei settori dell'arte, della cultura e della creatività.

Il PE adotta il bilancio UE 2024: focus su ricerca, gioventù, sfide esterne. Il Parlamento europeo ha approvato in via definitiva il bilancio per il 2024, assicurandosi ulteriori €666,5 milioni per le sue priorità, oltre a quanto inizialmente proposto dalla Commissione europea nel suo progetto di bilancio.

Imballaggi: primo voto su riduzione dei rifiuti, riutilizzo e riciclo. Il Parlamento europeo ha adottato la sua posizione sul nuovo regolamento UE in materia di imballaggi, per affrontare l’aumento dei rifiuti e promuovere il riutilizzo e il riciclaggio.

 

Redazione Europe Direct Lombardia
@ED_Lombardia

Data ultima modifica: 04/12/2023