Europe Direct Lombardia

Al via l'VIII Programma d'Azione per l'Ambiente

È stato pubblicato in Gazzetta ufficiale l’8° programma d’azione per l’ambiente fino al 2030 (8° PAA), lo strumento che orienta lo sviluppo e il coordinamento della politica ambientale dell’Unione e forma il quadro per l’azione dell’Unione nei settori dell’ambiente e del clima.
immagine del bando

È stato pubblicato in Gazzetta ufficiale l’8° programma d’azione per l’ambiente fino al 2030 (8° PAA), lo strumento che orienta lo sviluppo e il coordinamento della politica ambientale dell’Unione e forma il quadro per l’azione dell’Unione nei settori dell’ambiente e del clima.

Questo 8° PAA prosegue senza grandi cambiamenti il cammino del 7° PAA (in vigore fino al 2020), che aveva anticipato l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, specificando che la crescita economica e il benessere sociale dipendono da una solida base di risorse naturali, contribuendo al perseguimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS); e che ha consentito all’Ue di andare sulla scena mondiale, in materia di clima e ambiente.

Obiettivo dell’8° PAA, è che le persone vivano bene nel rispetto dei limiti del pianeta, all’interno di un’economia del benessere senza sprechi, in cui la crescita è rigenerativa, la neutralità climatica nell’Unione europea è stata raggiunta e le diseguaglianze sono state significativamente ridotte.

Il programma si articola in 6 obiettivi tematici prioritari

a) ridurre in modo rapido e prevedibile le emissioni di gas a effetto serra e aumentare l’assorbimento da pozzi naturali nell’Unione europea ;

b) fare costanti progressi nel rafforzamento e nell’integrazione della capacità di adattamento, nel consolidamento della resilienza, nell’adattamento e nella riduzione della vulnerabilità ai cambiamenti climatici dell’ambiente, della società e di tutti i settori economici;

c) progredire verso un’economia del benessere che restituisca al pianeta più di quanto prenda e accelerare la transizione ad un’economia circolare priva di sostanze tossiche;

d) perseguire l’"inquinamento zero", anche in relazione alle sostanze chimiche nocive, al fine di ottenere un ambiente privo di sostanze tossiche e proteggere la salute e il benessere delle persone, degli animali e degli ecosistemi;

e) proteggere, preservare e ripristinare la biodiversità marina e terrestre e la biodiversità delle acque interne;

f) promuovere gli aspetti ambientali della sostenibilità e ridurre in misura significativa le principali pressioni ambientali e climatiche connesse alla produzione e al consumo (in particolare nei settori dell’energia, dell’industria, dell’edilizia e delle infrastrutture, della mobilità, del turismo, del commercio internazionale e del sistema alimentare).

Questi obiettivi prioritari definiscono un orientamento per l’elaborazione delle politiche dell’Unione europea, sulla base degli impegni delle strategie e delle iniziative del Green Deal europeo, come per il conseguimento degli obiettivi ambientali e climatici definiti nell’ambito dell’Agenda 2030.

 

Redazione Europe Direct Lombardia
@ED_Lombardia
europedirect@regione.lombardia.it

Documenti allegati

Data ultima modifica: 24/10/2023