Europe Direct Lombardia

Giornata internazionale di commemorazione delle vittime dell’Olocausto

Il 27 gennaio ricorrono la Giornata internazionale di commemorazione delle vittime dell’Olocausto e il 78o anniversario della liberazione del campo di concentramento nazista di Auschwitz-Birkenau.
immagine del bando

Il 27 gennaio ricorrono la Giornata internazionale di commemorazione delle vittime dell’Olocausto e il 78º anniversario della liberazione del campo di concentramento nazista di Auschwitz-Birkenau. In vista della Giornata internazionale di commemorazione delle vittime dell'Olocausto, la Presidente von der Leyen ha dichiarato: 

“Non dobbiamo mai dimenticare i sei milioni di donne, uomini e bambini ebrei e tutte le altre vittime, tra cui centinaia di migliaia di rom, assassinati durante l'Olocausto.

Quest'anno ricorderemo la resistenza e le rivolte degli ebrei nell'Europa occupata dai nazisti. Commemoreremo l'80º anniversario di grandi rivolte, come quella del Ghetto di Varsavia del 19 aprile 1943, che è diventata simbolo della resistenza ebraica e della brutalità del regime nazista. Ma ricorderemo anche altri atti di resistenza come quello avvenuto in Belgio, dove in quello stesso giorno tre membri della resistenza – Robert Maistriau, Youra Livchitz e Jean Franklemon – sabotarono un treno diretto ad Auschwitz, pieno di deportati ebrei condannati a morte. Altri riuscirono, in seguito, a fuggire dal treno, ma solo 120 sopravvissero. Ci furono anche altre rivolte, di cui probabilmente si parla meno, come quelle avvenute nei campi di concentramento e di sterminio di Treblinka e Sobibor o nel Ghetto di Białystok. Le vittime ebree, infatti, non erano passive e hanno organizzato la resistenza contro i nazisti.

Ancor oggi, e per sempre, possiamo trarre lezioni dalla forza, dal coraggio e dalla determinazione di quei combattenti e partigiani ebrei scarsamente armati che, tra mille avversità, hanno guidato con successo le rivolte, andando incontro a una morte quasi certa. Hanno combattuto in nome della giustizia ed erano determinati a reagire.

Come ha affermato Elie Wiesel, sopravvissuto ad Auschwitz: “Il punto non è sapere perché non tutti gli ebrei hanno combattuto, ma quanti di loro lo hanno fatto. Torturati, picchiati, affamati, dove hanno trovato la forza – spirituale e fisica – di resistere?”

Non possiamo restare in silenzio di fronte a un'ingiustizia, ad un massacro. Dobbiamo gridare contro l'antisemitismo, l'antiziganismo e tutte le forme di odio e discriminazione, siano esse fondate sulla razza o l'origine etnica, la religione o le convinzioni personali, il genere, l'orientamento sessuale, l'età o la disabilità.

L'antisemitismo ha generato l'Olocausto, ma non si è concluso con la sua fine. Anzi, è di nuovo in aumento in Europa, esattamente come la negazione, la rappresentazione distorta e la banalizzazione dell'Olocausto, che alimentano l'antisemitismo, con effetti corrosivi sulla memoria e sulla coesione collettive europee.

La memoria non è un fine in sé. Dobbiamo fare un passo in più. Dobbiamo sostenere la vita ebraica. L'Europa potrà prosperare solo quando potranno farlo anche le sue comunità ebraiche. Ci batteremo per un'Unione europea libera dall'antisemitismo e da qualsiasi forma di discriminazione, per una società europea aperta, inclusiva ed equa.”

 

Redazione Europe Direct Lombardia
@ED_Lombardia
europedirect@regione.lombardia.it

Data ultima modifica: 24/10/2023