Europe Direct Lombardia

La Commissione europea propone degli aggiornamento dei requisiti per le patenti di guida

La Commissione europea ha presentato delle roposte volte ad ammodernare le norme sulle patenti di guida, anche attraverso l'introduzione di una patente di guida digitale valida in tutta l'UE, e nuove disposizioni intese a facilitare l'applicazione transfrontaliera del codice della strada.
immagine del bando

La Commissione europea ha presentato delle roposte volte ad ammodernare le norme sulle patenti di guida, anche attraverso l'introduzione di una patente di guida digitale valida in tutta l'UE, e nuove disposizioni intese a facilitare l'applicazione transfrontaliera del codice della strada.
Le nuove norme aumenterebbero la sicurezza per tutti gli utenti della strada e aiuterebbero l'Unione europea a raggiungere il suo obiettivo "zero vittime", ossia l'azzeramento del numero di vittime della strada nell'UE entro il 2050.

Grazie alle nuove norme i conducenti saranno meglio preparati ai veicoli a zero emissioni e alla guida nelle strade urbane, caratterizzate da un maggior numero di biciclette e veicoli a due ruote e da un'elevata presenza di pedoni.

I giovani conducenti potranno inoltre acquisire esperienza attraverso un programma di guida accompagnata e a partire dai 17 anni di età potranno imparare a guidare e ottenere la patente.

Coloro che supereranno l'esame a 17 anni potranno guidare da soli a partire dal loro diciottesimo compleanno e lavorare come conducenti professionisti se otterranno un impiego specifico. Ciò contribuirà a far fronte all'attuale carenza di conducenti.

Ammodernamento delle norme sulle patenti di guida per rendere le strade più sicure e semplificare la vita quotidiana
La proposta relativa alle patenti di guida modifica la legislazione dell'UE vigente e si ispira alle migliori pratiche già in vigore in diversi Stati membri.

Un obiettivo fondamentale delle nuove norme è migliorare la sicurezza stradale, grazie a misure quali:

  • un periodo di prova di almeno 2 anni per i neopatentati dopo il superamento dell'esame e la tolleranza zero per la guida in stato di ebbrezza. Si tratta di norme fondamentali poiché sebbene i giovani rappresentino soltanto l'8% della totalità degli automobilisti, 2 incidenti mortali su 5 coinvolgono un conducente (di automobili o motocicli) di età inferiore ai 30 anni;
  • la possibilità per i giovani di sostenere l'esame e iniziare la guida accompagnata di automobili e camion a partire dai 17 anni, al fine di acquisire esperienza di guida;
  • l'adeguamento della formazione e degli esami dei conducenti per prepararli meglio alla presenza di utenti vulnerabili della strada. Ciò contribuirà ad accrescere la sicurezza dei pedoni, dei ciclisti e degli utenti di biciclette elettriche e monopattini elettrici nel contesto della transizione dell'UE verso una mobilità urbana più sostenibile;
  • una valutazione più mirata dell'idoneità medica, che tenga conto dei progressi nelle cure mediche per malattie quali il diabete. I conducenti saranno inoltre incoraggiati ad aggiornare le proprie competenze e conoscenze di guida per tenere il passo con gli sviluppi tecnologici.


Per semplificare il riconoscimento delle patenti di guida tra Stati membri, la Commissione europea propone per la prima volta, l'introduzione di una patente di guida digitale. La sostituzione, il rinnovo o la conversione di una patente di guida saranno molto più semplici perché tutte le procedure si svolgeranno online. Sarà anche più semplice per i cittadini dei paesi terzi in cui vigono norme di sicurezza stradale comparabili, convertire la propria patente di guida in una europea.
L'aggiornamento delle norme sugli esami di guida terrà conto della transizione verso veicoli a zero emissioni. 

Applicazione transfrontaliera efficace delle norme in materia di sicurezza stradale 
Le attuali norme europee in materia di applicazione transfrontaliera hanno contribuito a garantire che i trasgressori del codice della strada non residenti non mantenessero l'anonimato. 

La proposta della Commissione europea mira ad affrontare questo problema consentendo alle autorità di contrasto di accedere ai registri nazionali delle patenti di guida. La Commissione propone inoltre di rafforzare il ruolo dei punti di contatto nazionali affinché possano cooperare meglio con le autorità di contrasto coinvolte nelle indagini sulle infrazioni. In questo modo si affronteranno le attuali carenze nella cooperazione tra Stati membri nel corso delle indagini sulle infrazioni.

Inoltre, l'attuale legislazione contempla alcune delle infrazioni più frequenti e gravi, quali l'eccesso di velocità e la guida in stato di ebbrezza.

La Commissione europea propone che il campo di applicazione delle infrazioni stradali sia ampliato per comprendere anche:

  • il mancato rispetto della distanza di sicurezza dal veicolo che precede;
  • il sorpasso pericoloso;
  • la sosta pericolosa;
  • il sorpasso con striscia longitudinale continua;
  • la guida contromano;
  • il mancato rispetto delle norme sull'utilizzo dei corridoi di emergenza;
  • l'uso di un veicolo sovraccarico.

Ciò contribuirà a ridurre l'impunità per tali infrazioni e a migliorare la capacità degli Stati membri di sanzionare i trasgressori provenienti da altri Stati membri. Garantirà inoltre la parità di trattamento tra trasgressori residenti e non residenti.  

La normativa aggiornata garantirà che siano rispettati i diritti delle persone accusate di aver commesso infrazioni stradali. I non residenti mantengono il diritto a un ricorso effettivo e a un giudice imparziale, alla presunzione di innocenza e alla difesa. 

Un apposito portale informatico consentirà ai cittadini di accedere facilmente alle informazioni relative alle norme in materia di sicurezza stradale vigenti in ciascuno Stato membro e, in futuro, di pagare direttamente eventuali ammende. Le norme saranno inoltre allineate con le norme dell'UE in materia di protezione dei dati personali (GDPR e direttiva sulla protezione dei dati nelle attività di polizia e giudiziarie)

Interdizione alla guida in tutta l'UE: la fine dell'impunità per le infrazioni gravi
Per evitare l'impunità dei trasgressori del codice della strada, sarà istituito un nuovo sistema che consentirà l'applicazione dell'interdizione alla guida in tutta l'UE qualora uno Stato membro decida di interdire alla guida un conducente a causa di un'infrazione commessa sul suo territorio.

La proposta presentata riguarda le infrazioni gravi del codice della strada quali l'eccesso di velocità, la guida in stato di ebbrezza o sotto l'influsso di sostanze stupefacenti e le infrazioni stradali che causano morte o lesioni personali gravi. 

Le proposte presentate dalla Commissione europea ora saranno esaminate dal Parlamento europeo e dal Consiglio nell'ambito della procedura legislativa ordinaria.

#VisionZero
#RoadSafety



Redazione Europe Direct Lombardia
@ED_Lombardia
europedirect@regione.lombardia.it

Data ultima modifica: 24/10/2023