Europe Direct Lombardia

L’UE intende aumentare gli assorbimenti di carbonio attraverso l'uso del suolo, la silvicoltura e l'agricoltura

Il 10 novembre 2022, i negoziatori di Parlamento e Consiglio hanno raggiunto un accordo provvisorio sulla revisione del regolamento sull'uso del suolo, il cambiamento di uso del suolo e la silvicoltura (LULUCF).
immagine del bando

Il 10 novembre 2022, i negoziatori di Parlamento e Consiglio hanno raggiunto un accordo provvisorio sulla revisione del regolamento sull'uso del suolo, il cambiamento di uso del suolo e la silvicoltura (LULUCF). Si tratta del terzo fascicolo del pacchetto legislativo “Pronti per il 55” attraverso cui l’UE intende aumentare del 15% l'obiettivo fissato per gli assorbimenti netti di gas a effetto serra attraverso pozzi naturali, portandolo a 310 milioni di tonnellate di CO2 equivalente entro il 2030.

L’accordo stabilisce obiettivi ambiziosi per i Paesi UE ma semplifica anche le norme esistenti e migliora la qualità del monitoraggio, della rendicontazione e della verifica delle emissioni e degli assorbimenti anche grazie all'utilizzo di un maggior numero di dati geografici e di telerilevamento.

Dal 2021 al 2025, gli obiettivi si manterranno allineati all’attuale regolamento LULUCF in una logica di impegno del “non debito”. Dal 2026 al 2030, subentrerà la fase di aumento dell’obiettivo UE di assorbimento netto di gas a effetto serra dal 55% al 57% per rendere l'UE il primo continente a neutralità climatica entro il 2050.

Ogni Stato membro dovrà, quindi, garantire che le emissioni nel settore LULUCF non superino la quantità rimossa e, in seguito, impegnarsi ad ampliare i propri pozzi di assorbimento del carbonio. Il programma UE LIFE e l’aggiornamento della politica agricola comune (PAC) sono due degli strumenti che potrebbero offrire un sostegno finanziario al conseguimento di tali obiettivi attraverso il miglioramento della gestione del territorio, la gestione sostenibile delle foreste o la riumidificazione delle torbiere.

L’accordo provvisorio dovrà essere adottato formalmente da Parlamento e Consiglio per entrare in vigore, previa pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione.

 

Redazione Europe Direct Lombardia
@ED_Lombardia
europedirect@regione.lombardia.it

Data ultima modifica: 24/10/2023