Europe Direct Lombardia

Un miliardo di euro del Fondo per una transizione giusta della Politica di coesione, per una transizione climatica giusta

Dopo l’approvazione del suo piano territoriale per una transizione giusta, l’Italia riceverà un miliardo di euro nell’ambito del Fondo per una transizione giusta, un sostegno dell’Unione europea che contribuirà al conseguimento di una transizione climatica giusta a Taranto e nel Sulcis Iglesiente in Sardegna.
immagine del bando

Dopo l’approvazione del suo piano territoriale per una transizione giusta, l’Italia riceverà un miliardo di euro nell’ambito del Fondo per una transizione giusta, un sostegno dell’Unione europea che contribuirà al conseguimento di una transizione climatica giusta a Taranto e nel Sulcis Iglesiente in Sardegna.

Il Fondo per una transizione giusta garantisce che la transizione verso un’economia climaticamente neutra avvenga in modo equo, senza lasciare indietro nessuno, in particolare nelle regioni per cui la transizione è più difficile. I territori in questione sono individuati nel corso dei negoziati tra le autorità italiane e la Commissione europea  per gli accordi di partenariato 2021-2027 e i programmi associati. La Commissione Ue  ha approvato l’accordo di partenariato con l’Italia nel luglio 2022.

Su richiesta delle autorità italiane la Commissione Ue ha fornito consulenza tecnica ad hoc per la preparazione della strategia nazionale e dei piani d’azione per la transizione dal carbone nelle regioni italiane interessate. Il sostegno è stato fornito dallo strumento di sostegno tecnico nell’ambito della DG REFORM.

Il Fondo aiuterà oltre 2000 lavoratori ad acquisire nuove competenze attraverso corsi di formazione e rafforzerà il sostegno alle persone in cerca di lavoro e ai servizi dedicati alla creazione di nuove imprese.
Il Fondo sosterrà la costruzione di turbine eoliche, lo sviluppo di idrogeno verde e la produzione di impianti geotermici per gli edifici.
Infine, il Fondo parteciperà alla creazione di una cintura verde intorno alla città di Taranto.

L’Italia si è impegnata a eliminare gradualmente entro il 2025la produzione di energia elettrica prodotta da  carbone, un impegno che inciderà sull’area del Sulcis Iglesiente, doc ve c’è l’ultima miniera di carbone italiana ma anche un forte potenziale per la produzione di energia rinnovabile.
Sarà agevolata la creazione di comunità energetiche rinnovabili volte a ridurre la povertà energetica.
Il Fondo concorrerà anche a ridurre e ottimizzare il consumo energetico delle PMI incoraggiando l’uso di tecnologie pulite per la produzione di energia eolica, solare e marina.
I siti contaminati saranno bonificati, riabilitati e destinati a nuove attività economiche.

 

 

Redazione Europe Direct Lombardia
@ED_Lombardia
europedirect@regione.lombardia.it

Data ultima modifica: 24/10/2023